Impianti Fotovoltaici

Come funziona:

Un impianto fotovoltaico è un impianto in grado di convertire l’energia gratuita irradiata dal sole in energia elettrica, l'energia prodotta è fruibile direttamente per alimentare elettrodomestici e luci di casa nostra. 

L’impianto risulta composto da 3 componenti fondamentali: 

  • il generatore fotovoltaico, costituito da una serie di pannelli posizionati direttamente sul tetto,  destinati alla conversione fra radiazione luminosa ed energia elettrica;
  • l’inverter in grado di trasformare l’energia proveniente dai moduli fotovoltaico in corrente elettrica alternata  direttamente frubilile o immissibile in rete;
  •  i contatori, necessari per contabilizzare quanta energia produce l’impianto e quanto energia viene consumata sul posto.

Negli impianti con accumulo zono presenti inoltre le batterie e altri strumenti finalizzati all'immagazzinamento dell'energia prodotta per poterla in momenti diversi, ad esempio di notte quando i pannelli fotovoltaici non possono produrre energia

La scelta della potenza dell’impianto è una operazione che deve considerare:

  • il consumo energetico medio annuale dell’utenza, 
  • la distribuzione oraria delll'utilizzo di energia elettrica
  • la produzione energetica media annua dell’impianto 
  • le condizioni di incentivazione sull’energia prodotta.

La produzione elettrica annua di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:  

  • radiazione solare incidente sul sito d’installazione;     
  • orientamento ed inclinazione della superficie dei moduli;     
  • assenza/presenza di ombreggiamenti;     
  • prestazioni tecniche dei componenti dell’impianto (moduli, inverter ed altre apparecchiature). 

La disposizione del pannello viene descritta facendo riferimento a due angoli: 

  • angolo di Azimuth o angolo di orientazione rispetto alla direzione Sud; 
  • angolo di Tilt o angolo di inclinazione rispetto alla giacitura orizzontale.

Esiste una disposizione che ottimizza il funzionamento del pannello, rendendo massima la produzione energetica annuale.

Questa disposizione dipende dalla località; in generale, per quanto riguarda il nostro emisfero,  essa è data da un orientamento Azimuth = 0° (orientazione a Sud), Tilt = 30°.

Prendendo come riferimento un impianto da 1 kW di potenza nominale, con orientamento ed inclinazione ottimali  ed assenza di ombreggiamento, non dotato di  dispositivo di "inseguimento" del sole, è possibile stimare le seguenti producibilità annue massime sul territorio italiano: 

  • regioni settentrionali 1.100 kWh/anno 
  • regioni centrali 1.400 kWh/anno 
  • regioni meridionali 1.600 kWh/anno 

Da questi dati è possibile intuire come un tetto inclinato a 30°, rivolto a sud sia in grado di massimizzare  la produzione energetica dell’impianto e quindi la sua convenienza economica. 

Secondo questi dati medi, un impianto fotovoltaico da 3KWp produce annualmente 3.300 KWh di energia elettrica.

Per quanto riguarda l’occupazione di spazio di un impianto, considerando solo la superficie occupata dai pannelli, esso dipende dalla tecnologia utilizzata e dal rendimento delle celle. 

Maggiore è l’efficienza dei moduli fotovoltaico, minore è l’area che deve essere installata per raggiungere i valori di produzione desiderati. 

Valori medi indicativi risultano essere:

  • MODULI IN SILICIO MONOCRISTALLINO 8 m2 per kW di potenza nominale installata.
  • MODULI IN SILICIO POLICRISTALLINO 9 m2 per kW di potenza nominale installata.
  • MODULI IN SILICIO AMORFOCRISTALLINO 24 m2 per kW di potenza nominale installata.